Sciroppo di rose tra passato e presente a Villa Sauli

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ancora una volta il Consorzio di S.Limbania e l’istituto Alberghiero N.Bergese hanno mantenuto la loro promessa e, in Villa Sauli a Pra, chi è intervenuto ha potuto apprezzare un altro dei prodotti importanti del nostro territorio: lo sciroppo di rose.

Tra i relatori abbiamo potuto annoverare delle autentiche autorità che hanno illustrato, oltre a tutti gli aspetti botanici del mitico fiore dell’avanzata primavera, anche i metodi di preparazione della mitica bevanda, incuriosendo il pubblico che ha avuto modo di interloquire per soddisfare le curiosità legate a questo prodotto. Particolarmente apprezzati sono stati gli interventi di Vivienne Crosa di Vergagni, presidentessa dell’Associazione delle rose della Valle Scrivia che ha illustrato la storia del loro Ente, rivolgendosi agli studenti del Bergese offrendo loro modo di capire alcune importanti tecniche di impresa riguardanti il settore specifico del loro impegno formativo. Di seguito ha preso la parola Alessia Doragrossa, quale rappresentante dell’Azienda Agricola “La castagna” di Mele che, con evidente passione e competenza ha illustrato i metodi di preparazione dello sciroppo meravigliando buona parte del pubblico che, di certo, non pensava come da elementi così semplici quali zucchero, acqua e limoni si potesse ottenere un risultato davvero stupefacente. Altri interventi hanno fatto da corollario alle due signore delle rose, ciò in attesa dei veri padroni di casa ossia gli studenti del Bergese che, presentati dal preside prof. Angelo Capizzi, hanno spiegato agli astanti il loro lavoro  ed i loro progetti qualificati da una sicura novità, non soltanto nello spirito di impresa che li anima, ma anche nella loro capacità di fare squadra per ottenere i migliori risultati possibili nell’ambito di una collaborazione guidata dalla loro docente. Alla conclusione dell’incontro, gli ospiti che avevano trovato posto nel modernissimo auditorium, hanno attraversato il lungo corridoio costellato di illustrazioni delle eccellenze del nostro territorio, per giungere nell’altra ala di palazzo Sauli dove hanno potuto degustare le raffinatezze dolciarie preparate dagli studenti del Bergese che, come sempre compresi nel loro ruolo di ospiti, hanno dato prova di sé stessi e della loro professionalità offrendo deliziose preparazioni da loro confezionate con l’ingrediente principe dell’incontro, ingrediente che è entrato anche nella composizione di cocktail diversi ma ugualmente eccellenti. In questo contesto una menzione speciale va attribuita a Ugo Traverso del Consorzio delle Rose della Vallescrivia al quale va ascritto il merito di aver pensato a quei deliziosi amaretti ai petali di rose che gli meritano certamente una menzione di rilievo nel panorama della pasticceria genovese. Ed ora non ci resta altro che attendere i prossimi eventi illustrati, per l’occasione, dal prof. Capizzi che ha dato appuntamento per il terzo evento di questa tornata primaverile. Ospiti d’onore di quel pomeriggio saranno storici formaggi del nostro territorio ed, in particolare la prescinsoa e le caratteristiche formaggette che, da tempo immemore, i nostri contadini hanno confezionato con la maestria che sola può derivare dall’esperienza del passato. Sarà, questa, l’occasione per altre interessantissime riscoperte di certo non inferiori alle eccellenze trattate nelle precedenti puntate.

rose2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...