Il buono e il bello di Prà: Villa Sauli gremita

studenti-bergese-villa-sauli
Foto supratutto.it

Come previsto, mercoledì 10 aprile, il Consorzio di S. Limbania ha festeggiato la primavera in Villa Sauli con l’evento “Il buono e il bello di Prà”. La giornata non era cominciata sotto il migliori auspici: un cielo plumbeo e una pioggia costante avevano fatto la parte del leone durante la mattinata, minacciando il nostro pomeriggio. Fortunatamente non è stato così e dopo pranzo si è cominciato ad intravedere qualche squarcio di azzurro tra le nubi, accompagnato da qualche timido raggio di sole. Insomma, c’era di che ben sperare per utilizzare il giardino retrostante la villa, appena ripulito dai nostri associati della Croce del Sud. Giunti sul posto, abbiamo trovato già all’opera gli alunni dell’Istituto alberghiero “N. Bergese”, che, sotto l’attenta guida della prof. Bagnasco, cominciavano a preparare i loro cocktail. È sempre un piacere vederli: sorridenti, ordinati e pronti a dimostrare in ogni momento la loro disponibilità e competenza. Questa volta è toccato agli studenti di una classe quarta, che hanno elaborato con maestria alcune originali preparazioni, gradevolissime non soltanto al palato ma anche agli occhi, che hanno avuto la loro parte osservando il sapiente equilibrio cromatico rimandante alla primavera da poco sbocciata.

Sempre nel giardino della villa, poco distante dai ragazzi del Bergese, in un tripudio di profumi vi era il banco delle piante aromatiche e ornamentali dell’Agricola Genovese di Prà. È stata anche quella una festa di colori, grazie alle piante aromatiche in bella vista e in grado di soddisfare qualsiasi ricerca della cuoca più esigente. I vasi esposti hanno formato un panorama completo, dalle piante più comuni – come la salvia e il rosmarino – sino a quelle più rare e raffinate come il timo limonato o il dragoncello. Il tutto incorniciato da una serie di piante fiorite e pronte per essere rinvasate e piantumate per abbellire con i loro colori sgargianti terrazze e giardini. A corredo del tutto, vi erano i non trascurabili consigli di Giovanni, elargiti per l’occasione a chi chiedeva informazioni. Ragguagli che si possono sempre ascoltare nella sede dell’Agricola in Via Barberia a Prà, dove è possibile trovare sementi di ogni tipo,  attrezzi agricoli, cibo per animali e, soprattutto, piante ed arbusti adatti per il giardino e per l’orto. Chi avesse occasione di passare da quelle parti, può sempre ammirare esposte, a seconda della stagione, anche verdure di ogni tipo, pronte per essere trapiantate. Insomma, da quelle parti è possibile trovare proprio tutto: persino, quando è stagione, alberi da frutto di sicura riuscita, poiché selezionati con cura e attenzione.

piante-agricola-genovese-villa-sauli
Foto supratutto.it

A fianco dello stand dell’Agricola Genovese, Stefano e Franca Bruzzone, anche loro soci storici del Consorzio di S. Limbania. A questi nostri amici e sostenitori è toccato il compito di presentare il prodotto più identitario e celebrato del nostro territorio: sua maestà il basilico! Basilico che, profumatissimo, troneggiava in capienti cesti, pronto per essere “pestato” negli storici mortai bene in vista sul banco. Il tutto secondo le istruzioni poco prima dispensate da Stefano che, così come la sorella Franca, può definirsi indiscusso ambasciatore del pesto nel mondo. Pesto del quale i veri genovesi parlano con la commozione e il rispetto che si deve a chi ci ha preceduto e ci ha lasciato un tesoro da custodire e tramandare. Sempre su quel tavolo era possibile degustare “l’oro verde” spalmato su tartine prodotte con la tipica focaccia ligure, in un matrimonio di sapori davvero evocativo. Ma, al di là di tutto questo, va ricordato anche come i Bruzzone, insieme a Ferrari, siano i titolari e i fondatori dell’Azienda “Le serre sul mare” che, addossata sulla collina di Prà, produce e promuove in varie tipologie di confezioni “Il pesto di Prà”, lavorato non soltanto nel totale e puntiglioso rispetto delle regole previste dalla normativa, ma anche con speciale attenzione alla qualità degli ingredienti e quindi al risultato finale. Risultato che il consumatore può apprezzare assaporandone la fragranza che, unita al profumo e all’intensità del colore smeraldino, fa di questo prodotto una vera eccellenza del territorio esportata e conosciuta anche all’estero.

bruzzone-pesto-villa-sauli
Foto supratutto.it

Ma non è finita qui, perché all’evento era presente anche la storica ditta Vini Allara, da molti decenni sul territorio praese con il suo negozio di vini di qualità, di specialità dolciarie e di curiosità gastronomiche raramente reperibili nel circondario. Dietro il banco, occupata a far degustare agli intervenuti lo storico aperitivo Corochinato – comunemente noto come “l’Asinello” – c’era Tiziana, che non ha lesinato spiegazioni in merito alla produzione dello stesso del quale, a buon diritto, la sua ditta può vantare l’esclusiva del marchio. Accanto alle bottiglie di Corochinato faceva mostra di sé un’altra specialità: il liquore al basilico. Una vera punta di diamante, nel giorno in cui si celebrano le eccellenze del territorio praese. Questo liquore, impreziosito dal colore che accenna al colore della mitica erba, è caratterizzato da un elegante profumo e da un sapore che richiama al palato, con finezza straordinaria, il profumo del basilico appena colto. Si tratta di un liquore dalle caratteristiche che lo rendono ottimo anche come digestivo, meglio ancora dopo un pasto a base di specialità genovesi.

tiziana-allara-corochinato
Foto supratutto.it

Sempre nel salone, proprio davanti all’ampia vetrata, tutti gli intervenuti non hanno potuto non riconoscere un altro dei miti di Prà: il nostro Rocco che, anche questa volta, ha dato il meglio di sé. Anche lui è nostro socio ed era con noi nel 2004 quando, nell’anno di Genova capitale europea della cultura, il Consorzio di S. Limbania aveva cominciato il proprio percorso. Da allora, il titolare del noto panificio-pasticceria praese ci ha sempre accompagnati e sostenuti, facendo centro anche questa volta proponendo in un’elegantissima veste una colomba pasquale di sua invenzione, prodotta esclusivamente per l’occasione dietro richiesta dei ragazzi del Consorzio. Gli intervenuti hanno potuto così assaggiare questa meraviglia, accompagnata da deliziose creme preparate al momento. Insieme a Rocco, l’indiscutibilmente preziosa collaboratrice Raffaella, sempre sorridente, allegra e disponibile. Insieme ai due boss, anche Sergio, un giovane collaboratore dal futuro certamente assicurato visto l’impegno e la maestria profusi per l’occasione. Poco più in là, sempre sullo stesso tavolo, faceva mostra di sé la macchina del caffè. Ecco l’altra novità: il caffè! Prà, che da tempo non ha più una torrefazione, ora in compenso può contare su una miscela confezionata appositamente e acquistabile solo da Rocco. Si è potuto così concludere questo pomeriggio dedicato al nostro territorio con un ottimo caffè che, sorseggiato in allegra compagnia, sicuramente non ha reso nervoso nessun degli ospiti intervenuti.

colomba-rocco-villa-sauli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...